Nuova Sabatini, 600 milioni per attivare fino a6,5 miliardi di finanziamenti agevolati

Nuova Sabatini – Sbloccate le erogazioni relative alle quote su operazioni pre 2021

Read More

MD Plast, l’innovazione nel segno della sostenibilità

Il viaggio di Gexperience, alla scoperta di imprese eccellenti supportate da GA.FI. nei rapporti con le banche, questo mese giunge in provincia di Salerno e più precisamente a Mercato San Severino, dove abbiamo incontrato la dott.ssa Antonia Citro, una giovane e brillante manager, alla guida di MD Plast SpA, azienda che è ormai una vera e propria eccellenza nella produzione di Biocompound e una vasta gamma di Masterbatches e Additivi con differenti resine di supporto.

Read More

Attrattività investimenti, Italia nona su 18 Paesi secondo il Censis

Posizione di metà classifica (che non significa sufficienza) per l’Italia dal punto di vista di attrattività degli investimenti, con un punteggio di 54,5 su di una scala da 0 a 100. Questo il risultato di sintesi del Super-Index Aibe, realizzato con la collaborazione del Censis, tra i Paesi del G20 di cui l’Italia quest’anno ha assunto la presidenza.

Read More

Pnrr, a luglio tappe fondamentali

L’approvazione definitiva da parte del Consiglio arriverà probabilmente nell’Ecofin del 13 luglio e l’erogazione del prefinanziamento nella misura del 13% delle somme previste per il piano entro luglio. Questo il calendario del PNRR tracciato dal ministro dell’Economia Daniele Franco, a margine della riunione dell’Ecofin a Lussemburgo.

Read More

Incentivi, al via tre bandi del Mise

Al via i termini per la presentazione delle domande relativi a tre nuovi bandi del Ministero dedicati alle startup innovative, allo sviluppo del settore dell’intrattenimento digitale e al rilancio dell’area industriale di Marcianise.

Read More

Visco (Bankitalia): “Per uscire dalla crisi, importante conservare capacità sistema finanziario di dare credito”

“La contrapposizione tra Stato e mercato è fuorviante, dato che all’opposto sono complementari: una economia sana li richiede entrambi”. Lo Stato deve assicurare “buone regole e servizi pubblici di qualità e deve intervenire nelle aree in cui i ritorni sociali sono elevati – ha detto – ma l’iniziativa privata non basta”. Per parte sua, il settore privato “genera dinamiche e imprese innovative, in grado di promuovere la loro attività ed essere ripagate per la qualità della loro produzione”. Lo ha detto il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, nel suo keynote speech alla “2021 IIF G20 Conference: The G20 Agenda Under the Italian Presidency”, organizzata dall’Institute of International Finance.

Read More

Fondo Pmi, nuovi finanziamenti per progetti di R&S

Nuovi finanziamenti nell’ambito del Fondo di Garanzia per le PMI, il decreto Sostegni bis ha introdotto uno strumento di garanzia pubblica a supporto di piccole e medie imprese e Small Mid Cap.

Read More

Il Presidente Rosario Caputo si aggiudica il Premio Artis Suavitas 2021

Il 30 giugno 2021, il Presidente di GA.FI. Rosario Caputo ha ricevuto il Premio Artis Suavitas 2021, un prestigioso riconoscimento che il Comitato Scientifico destina a personalità che con il loro impegno hanno contribuito al benessere della nostra nazione, valorizzandone il patrimonio artistico, culturale, economico ed umano oltre che civile e democratico. Con il Presidente Caputo sono stati premiati personaggi di profilo internazionale come:

Read More

La detrazione Irpef per investimenti in start up o Pmi innovative

Il D.L. 179/20212 ha introdotto alcuni importanti incentivi fiscali per l’investimento in start-up innovative le cui modalità attuative sono state individuate con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze del 25.02.2016 e, per gli investimenti effettuati nei periodi successivi a quello in corso al 31 dicembre 2016, con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze del 07.05.2019.

È definita start-up innovativa la società di capitali, costituita anche in forma di cooperativa, che svolge attività necessarie per sviluppare e introdurre prodotti, servizi o processi produttivi innovativi ad alto valore tecnologico, le cui azioni o quote rappresentative del capitale sociale non siano quotate su un mercato regolamentato o su un sistema multilaterale di negoziazione.

Si considerano start-up innovative anche le società che abbiano come oggetto sociale la promozione dell’offerta turistica nazionale attraverso l’uso di tecnologie e lo sviluppo di software originali, in particolare, agendo attraverso la predisposizione di servizi rivolti alle imprese turistiche.

L’agevolazione inizialmente consisteva in una detrazione del 19% ( o 25% ) della somma investita, nel limite di euro 500.000; successivamente l’articolo 1, comma 66, L. 232/2016 ha disposto:
• la proroga e regime dell’agevolazione;
• l’incremento della misura del beneficio al 30%;
• l’aumento dell’importo dell’investimento massimo detraibile a euro 1.000.000.

Ai contribuenti che investono somme nel capitale sociale di una o più start up innovative direttamente ovvero per il tramite di organismi di investimento specificamente individuati è quindi riconosciuta una detrazione d’imposta del 30% su un investimento massimo che non può eccedere, in ciascun periodo d’imposta, l’importo di 1.000.000 euro.

L’investimento deve essere mantenuto per almeno 3 anni pena decadenza delle agevolazioni, con obbligo di restituire l’importo detratto unitamente agli interessi legali.

Gli incentivi fiscali all’investimento in start-up innovative si applicano anche agli investimenti in piccole e medie imprese (Pmi) innovative.

Per poter beneficiare della detrazione viene richiesto che, al momento dell’investimento, le start-up innovative siano iscritte all’ apposita sezione speciale del Registro delle imprese.

L’investimento massimo detraibile non può eccedere, in ciascun periodo d’imposta, l’importo di euro 100.000 e deve essere mantenuto per almeno tre anni; la cessione, anche parziale, dell’investimento prima del decorso di tale termine comporta la decadenza dal beneficio e l’obbligo per il contribuente di restituire l’importo detratto, unitamente agli interessi legali.

Per quanto riguarda invece le Pmi innovative, l’articolo 38 ha introdotto, in via prioritaria rispetto alla detrazione ordinaria, una detrazione dall’imposta lorda sul reddito delle persone fisiche di un importo pari al 50% della somma investita dal contribuente nel capitale sociale di una o più Pmi innovative direttamente ovvero per il tramite di organismi di investimento collettivo del risparmio che investano prevalentemente in Pmi innovative; la detrazione si applica alle sole Pmi innovative iscritte alla sezione speciale del Registro delle imprese al momento dell’investimento ed è concessa anche questa nei limiti del regime “ de minimis ”.

L’investimento massimo detraibile non può eccedere, in ciascun periodo d’imposta, l’importo di euro 300.000 e deve essere mantenuto per almeno tre anni; l’eventuale cessione, anche parziale, dell’investimento prima del decorso di tale termine comporta la decadenza dal beneficio e l’obbligo per il contribuente di restituire l’importo detratto, unitamente agli interessi legali.

>>> Gcare non ti lascia mai solo, scopri di più, clicca qui

Come detto la norma prevede che la nuova detrazione in esame in investimenti in Pmi sia prioritaria rispetto alla detrazione ordinaria prevista dall’articolo 29 D.L. 179/2012 fino all’ammontare di investimento previsto, pari ad euro 300.000; sulla parte di investimento che eccede tale limite è fruibile esclusivamente la detrazione ordinaria, pari al 30% dell’eccedenza, fermo restando il limite “ de minimis ”.

Le modalità applicative dell’agevolazione sono state stabilite con Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 28 dicembre 2020.

In particolare, come previsto dal comma 5, prima della effettuazione dell’investimento da parte del soggetto investitore, l’impresa beneficiaria deve presentare apposita istanza tramite la piattaforma informatica.

L’ istanza deve contenere:
a) gli elementi identificativi dell’impresa beneficiaria, del soggetto investitore e, in caso di investimento indiretto, dell’organismo di investimento collettivo del risparmio;
b) l’ammontare dell’investimento che il soggetto investitore intende effettuare;
c) l’ammontare della detrazione che il soggetto investitore intende richiedere.

Come precisato nelle Faq pubblicate sul sito del Ministero dello sviluppo economico, per gli investimenti su cui si richiede l’agevolazione al 30% non è necessario inoltrare istanza sulla piattaforma “ de minimis ”, ma è necessario attenersi alle disposizioni del decreto 07.05.2019 che disciplina tale incentivo.

Tali investimenti non rientrano nel cumulo “ de minimis ” per l’impresa beneficiaria.

Read More

Gnews Giugno 2021 n.53

E’ on line il numero 53 di Gnews del mese di Giugno 2021, in questo numero largo spazio alle manovre di Governo con il Premier Mario Draghi che afferma……blabla

Scaletta Gnews

Read More